Claudiogarau.it :: Tutorials & Scripts, PHP, Linux and more.

Home ~ Php :: MySQL e copie di backup :: Indice Php

MySQL e copie di backup

Categoria: Php Inserito il: 02-08-2006 Stampa (8098 click)

Il backup, cioè la creazione di copie di sicurezza dei nostri dati è, come del resto molte delle attività ripetitive a carico degli admin, una delle mansioni più noiose e nello stesso tempo più importanti che bisogna compiere quando si ha la responsabilità di gestire dei database.

Perdere i propri dati può essere seccante, ma perdere i dati dei propri clienti può essere addirittura imbarazzante; in entrambi i casi, ripristinare la situazione precedente (quando possibile), comporta sicuramente un'ulteriore perdita in termini di tempo e nei casi peggiori una ricaduta negativa sulle nostre economie.

Quindi, per evitare brutte sorprese è meglio essere previdenti e dotarsi delle conoscenze e degli strumenti necessari per evitare il peggio. Vi sono diversi tools che permettono automatizzare e periodizzare i backup dei nostri dati, come per esempio MySQL Auto Backup, ma spesso sono costosi e in ogni caso creare copie di sicurezza è di per sè un'operazione abbastanza semplice che con un pò di pazienza potremmo tranquillamente eseguire con le nostre mani.

In questa breve serie di articoli parleremo delle procedure di backup e di rispristino dei dati per MySQL, molti dei comandi descritti potranno però essere utilizzati con poche modifiche anche per altri DBMS.

In particolare giova osservare come MySQL organizzi i database che gestisce all'interno del sistema; sostanzialmente il DBMS suddivide i contenuti allocati separando dati puri, strutture e indici.

I primi sono conservati in file con estensione .MYD (MySQL Database); le seconde si trovano invece in file .frm (MySQL Dictionary File); infine, gli indici vengono memorizzati in file con estensione .MYI (MySQL Database Index). Tutti e tre questi file osservano per i loro nomi la stessa sintassi: "nome_della_tabella.estensione".

In effetti, se lavoriamo con Windows e andiamo a guardare nella cartella data di MySQL, troveremo tante sub-directory quanti sono i database gestiti dal DBMS, all'interno di ognuna di esse troveremo i file di cui abbiamo appena parlato caratterizzati dai nomi delle rispettive tabelle.

Il lettore si chiederà: ma allora un database MySQL non è altro che una semplice cartella? In un certo senso questa affermazione è esatta, a livello 'fisico' potremmo anche dire che il database 'non esiste', trova invece consistenza a livello concettuale dato che 'prende vita' in seguito alle relazioni tra le tabelle create al suo interno.

Su Linux il discorso non cambia molto, a seconda della distribuzione potreste trovare la cartella contente i database direttamente nella directory denominata MySQL, ma da questo punto in poi la struttura sarà la stessa descritta in precedenza. E' comunque possibile settare la posizione dei file di memorizzazione agendo sulle configurazioni salvate in my.ini.

Attenzione: questo articolo è stato concesso in esclusiva per la pubblicazione a Mrwebmaster.it; ne è vietata la riproduzione,
anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'autore e della redazione di Mrwebmaster.it.

Cerca nel sito
Per sito
Sviluppatore di applicazioni Web con competenze evolute nella progettazione delle basi di dati, autore per alcune delle più importanti testate on line dedicate alla manualistica tecnica (HTML.it, MrWebmaster.it, Edit) e consulente per l'e-learning.
Tutte le categorie
Tutorial Random
Installare Tomcat su Linux
Per terminare il nostro discorso riguardante le installazioni necessarie per la creazione di un ambiente di sviluppo basato su Tomcat,... Leggi l'articolo
Corsi online per sviluppatori
Corsi per Webmaster, Web Designer, Programmatori, Grafici e Sistemisti