Claudiogarau.it :: Tutorials & Scripts, PHP, Linux and more.

Home ~ Apache :: Configurare Apache: httpd.conf 2a parte :: Indice Apache

Configurare Apache: httpd.conf 2a parte

Categoria: Apache Inserito il: 12-05-2005 Stampa (6822 click)

Passiamo ora all'analisi delle istruzioni pił importanti riportate nella "Section 2" del file di configurazione di Apache httpd.conf; come vedremo, questa sezione contiene voci correlate alla configurazione del Web server ("'Main' server configuration").

Innanzitutto troviamo il riferimento alla porta di "ascolto" dei processi di Apache, di default la Port 80. Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, è possibile modificare il numero di questa porta TCP rimanendo nell'ambito delle prime 1024 porte. Se per esempio nel nostro computer è installato un altro Web server che attende le richieste sulla porta 80, come IIS della Microsoft, potremo modificare quella di default di Apache in 81.

Andando oltre, troveremo altre opzioni sulle quali è possibile intervenire. Tra queste abbiamo l'indirizzo di posta del ServerAdmin che, se ciò non è già stato fatto in installazione, può essere modificato inserendo la nostra mail personale o di lavoro.

Il ServerName, cioè il nome della nostra macchina server, varia a seconda del dominio di appartenenza; se lavoriamo in locale e al di fuori di una rete potremo lasciare senza problemi la consueta dicitura "localhost".

La DocumentRoot, stà ha indicare il percorso che porta alla cartella in cui sono contenute le pagine del nostro sito Web. Questo parametro può essere variato a seconda delle nostre esigenze; generalmente avremo in Linux qualcosa come:

"/var/www/html"
mentre in Windows troveremo:
"C:/Programmi/Apache Group/Apache/htdocs"
Leggeremo poi una serie di voci di questo tipo:
<Directory "PATH_per_la_ROOT">
Options Indexes FollowSymLinks Includes
AllowOverride 

All
Order allow,deny
Allow from all
</Directory>
in esse viene impostata una directory recante direttive (container) per la configurazione del server. Delle direttive parleremo pił approfonditamente tra poco. Andando avanti troveremo:
<IfModule mod_mime.c>
TypesConfig 

/PATH/mime.types
</IfModule>
Un'istruzione, quella appena proposta, con la quale viene indicato che, nel caso (if) in cui sia abilitato il "modulo per i MIME" ("mod_mime"), dovrà essere caricato il file/elenco con la lista dei MIME file type ("mime.types").

Ora passiamo a DefaultType, solitamente predefinito come "text/plain", che stabilisce la tipologia di file forniti da Apache.

Un'altra istruzione importante è ErrorLog, per la quale viene stabilito il percorso che dovrà portare ai "log" in cui verranno scritti gli errori conseguenti alle richieste non soddisfatte ("error_log"). Ad ErrorLog si accompagna un'opzione relativa al livello di debugging generalmente settata in "warn", un valore medio in una scala crescente che conta: "debug", "info", "notice", "warn", "error", "crit", "alert", "emerg".

Sono poi degni di nota i riferimenti alla direttiva Alias e al relativo "modulo"; di questa direttiva parleremo pił avanti, per ora specificheremo il fatto che grazie a queste istruzioni è possibile definire un alias (URL "traslata") per una cartella destinata ad ospitare script CGI posizionata esternamente rispetto alla DocumentRoot e quindi non accessibile dal web.

Andando oltre troveremo alcune delle istruzioni pił note dei Web Server, gli ErrorDocument 500, 404 e 403.

L'errore 500, conosciuto anche come "Internal server error" viene notificato nel caso in cui una condizione inaspettata (un errore interno al programma che gestisce il servizio) impedisca al server di soddisfare una richiesta del client.

L'errore 404, il notissimo "File Not Found", viene notificato quando il Web server non trova l'informazione richiesta. Le cause di questa notifica sono in genere due: un errore nella sintassi dell'URL o l'inesistenza della risorsa desiderata all'interno del percorso indicato.

L'errore 403, conosciuto anche come "accesso negato" ("Unauthorized user"), si verifica quando l'utente prova ad accedere ad una pagina "protetta" senza averne l'autorizzazione.

I messaggi di notifica degli ErrorDocument sono personalizzabili e possono consistere in un'informazione da inviare al client:
ErrorDocument 500 "The server made a boo boo
O in una pagina da visualizzare in alternativa a quella richiesta:
ErrorDocument 404 /missing.html
Terminiamo il nostro discorso riguardante le impostazioni di httpd.conf segnalando l'istruzione relativa al "mod_setenvif":
<IfModule 

mod_setenvif.c>
BrowserMatch "Mozilla/2" nokeepalive
BrowserMatch "MSIE 4.0b2;" 
nokeepalive downgrade-1.0 

force-response-1.0
BrowserMatch "RealPlayer 4.0" force-response-1.0
rowserMatch "Java/1.0" 

force-response-1.0
BrowserMatch "JDK/1.0" force-response-1.0
</IfModule>
In essa vengono settate differenti opzioni per le risposte da inviare alle particolari richieste che possono pervenire da specifiche tipologie di browser.

Cerca nel sito
Per sito
Sviluppatore di applicazioni Web con competenze evolute nella progettazione delle basi di dati, autore per alcune delle pił importanti testate on line dedicate alla manualistica tecnica (HTML.it, MrWebmaster.it, Edit) e consulente per l'e-learning.
Tutte le categorie
Tutorial Random
Le Direttive nelle JSP
Le Direttive non producono output ma mettono a disposizione definizioni, notifiche e informazioni valide e disponibili in tutto il documento... Leggi l'articolo
Corsi online per sviluppatori
Corsi per Webmaster, Web Designer, Programmatori, Grafici e Sistemisti